Come la Costa Azzurra ha avuto il suo sfarzo (2023)

Anche in bassa stagione, le strade di Cannes sono piene di stranieri benestanti. Allegre chiacchiere inglesi risuonano nei ristoranti lungo la spiaggia, dove turisti inglesi e americani ingurgitano ostriche e crepes a tutte le ore del giorno, innaffiandole con gin tonic e generose porzioni di vino bianco.

Anche in bassa stagione, le strade di Cannes sono piene di stranieri benestanti. Allegre chiacchiere inglesi risuonano nei ristoranti lungo la spiaggia, dove turisti inglesi e americani ingurgitano ostriche e crepes a tutte le ore del giorno, innaffiandole con gin tonic e generose porzioni di vino bianco.

In questi giorni, la città è sinonimo del Festival del cinema di Cannes, lo sfarzoso evento annuale che inizia martedì, con il suo solito vortice di tappeti rossi, proiezioni di alto profilo e serate di gala fantasiose. Ma la reputazione della zona è antecedente al festival. Per quasi due secoli, Cannes e il resto della Costa Azzurra, o Costa Azzurra, sono stati un luogo in cui ricchi stranieri ostentano la loro ricchezza, cedono alle tentazioni e si abbandonano a frivolezze senza sensi di colpa.

Come la Costa Azzurra ha avuto il suo sfarzo (1)

C'era una volta il mondo: la storia oscura e scintillante della Costa Azzurra, Jonathan Miles, Atlantic Books, 464 pp., £22, maggio 2023

(Video) Francesca Michielin - L'amore esiste (Official Video)

La storia di come questo remoto tratto di costa è stato scoperto, ha iniziato ad attirare ricchi e famosi sulle sue coste e alla fine è diventata leggenda è l'argomento di un nuovo libro di Jonathan Miles,C'era una volta il mondo: la storia oscura e scintillante della Costa Azzurra, pubblicato questo mese in Gran Bretagna e pubblicizzato come "il secondo volume di una trilogia informale dedicata a luoghi fenomenali creati da estranei".

La Riviera, nel racconto di Miles, deve gran parte della sua fama agli estranei, particolarmente ricchi britannici nel XIX secolo che si innamorarono del suo sole e del suo mare cristallino. Ben presto, le loro lussuose ville spuntarono sulle colline appena sopra la costa. I segni di questo primo incontro tra la riviera e le élite straniere sono ancora visibili oggi. Quando ho visitato il cimitero Grand Jas di Cannes in una tranquilla domenica mattina di fine aprile, mi sono ritrovato circondato da tombe di inglesi del XIX secolo che hanno trascorso i loro ultimi giorni sulla Riviera, attratti dai presunti poteri curativi del suo clima temperato.

Ben presto, la costruzione di vari casinò, tra cui quello famoso in tutto il mondo a Monte Carlo, e l'espansione delle ferrovie francesi hanno contribuito a trasformare la Riviera da un'oasi di pace per i malati in un vivace centro di sfarzo e glamour. Solo a Cannes, scrive Miles, negli anni '60 dell'Ottocento furono costruiti 11 hotel, 22 negli anni '70 dell'Ottocento e 14 negli anni '90 dell'Ottocento.

(Video) Tour della Costa Azzurra, SPIAGGE PIU' BELLE DELLA COSTA AZZURRA e i suoi PARADISI NASCOSTI!!

Dopo gli inglesi, non ci volle molto perché la Costa Azzurra ne attraesse altri. All'inizio del secolo, americani e russi si erano uniti al partito. Nella prima metà del XX secolo, la Riviera è diventata un microcosmo unico di élite globali, che si sono riversate sulle sue coste per "spendere e comportarsi male" e "godersi e dimenticare", scrive Miles.

In questo "cazzo aristocratico", come dice Miles, comportamenti eccessivi e personaggi bizzarri erano la norma, e l'autore si è chiaramente divertito a descriverli a lungo, dalle vite sulle montagne russe delle famose cortigiane della Belle Époque La Belle Otero e Liane de Pougy al matrimonio stellare del frontman dei Rolling Stones Mick Jagger e Bianca Pérez-Mora a Saint-Tropez nel 1971.

Forse Miles si è persino divertito un po 'troppo: le storie di romanticismo, intrighi, gioco d'azzardo e alcolismo sono così tante che la sua storia di quasi 400 pagine a volte può sembrare un po' ripetitiva. AncoraC'era una volta il mondoè molto più di una colonna di gossip delle dimensioni di un libro. Il vortice di personaggi di Miles si fonde in una narrazione di boom e fallimenti nel corso dei decenni: gli alti della Belle Époque, i ruggenti anni '20 e gli anni '50 - quando le star di Hollywood portarono il glamour della zona a un nuovo livello - ma anche i minimi di entrambi Guerre Mondiali e Grande Depressione.

La Riviera, infatti, non è stata al riparo dalle dure vicende mondiali. Durante la seconda guerra mondiale, ad esempio, vide un feroce movimento di resistenza contro l'occupazione nazista e fu teatro di uno sbarco alleato su larga scala poco dopo il D-Day nell'estate del 1944. Tuttavia, la Riviera non mancò mai di recuperare il suo consueto gioia di vivere non appena il peggio sarà passato.

(Video) "B. era preoccupato per i sequestri. Bontate gli disse: "Lei ha Dell'Utri e non deve preoccuparsi.

E non era solo una terra di frivolezze. Come illustra Miles, la Costa Azzurra è stata a lungo un terreno fertile per la vita intellettuale e artistica occidentale. Filosofi, poeti, compositori e artisti erano tra i suoi ospiti abituali. Che cercassero ispirazione o semplicemente divertimento, la Riviera ha lasciato il segno nel loro lavoro.

Il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche, racconta Miles, trascorse diversi inverni a Nizza, “travolto dal paesaggio e dal clima” e scrisse parte diCosì parlò ZarathustraLà. Lo scrittore americano F. Scott Fitzgerald ha scritto molto diIl grande Gatsbydalla costa, dove il comportamento alcolico suo e di sua moglie Zelda è diventato leggendario. Mezzo secolo dopo, un altro grande della letteratura americana, James Baldwin, si trasferì a Saint-Paul-de-Vence, dove si sarebbe stabilito per il resto della sua vita. "È diventato parte della comunità locale, che, a sua volta, è diventata parte di lui", scrive Miles.

Ma più di chiunque altro, a quanto pare, sono stati i pittori ad essere ispirati dalla regione. Alcune delle migliori pagine di Miles sono dedicate all'artista francese Henri Matisse e ai Fauves, un gruppo di post-impressionisti che, come spiega Miles, esprimevano “la loro gioia per il sud utilizzando un'intensa gamma di colori e forme semplificate, distorte o sfocate. "

Il libro sottolinea che anche in Riviera, anche nelle località meno turistiche, grandi artisti hanno lasciato il segno. Mentre giravo per il piccolo comune di Vallauris, a poche miglia nell'entroterra da Cannes, mi sentivo un mondo lontano dal suo appariscente vicino; i bianchi della classe medio-bassa condividono la città con grandi comunità dell'Africa subsahariana e del Maghreb. (Non sorprende che l'estrema destra lo siaestremamente popolarelì.) Eppure Vallauris vanta astatuadi Pablo Picasso nella sua piazza principale, così come una cappella con la sua monumentale “Guerra e Pace”pannelli dipintie decine di vasi in ceramica prodotti dallo spagnolo durante i suoi sette anni di permanenza in città tra la fine degli anni Quaranta e l'inizio degli anni Cinquanta.

(Video) L'ISOLA

Dopo aver raccontato storie di splendore, vizi, cadute spettacolari e ritorni ancora più spettacolari,C'era una volta il mondotermina con una nota un po' cupa. All'inizio degli anni '60, suggerisce Miles, il fascino della Costa Azzurra aveva cominciato a scemare. Gli ultimi capitoli si soffermano sulla criminalità organizzata e la corruzione che deturpano sempre di più l'economia e la vita pubblica della Costa Azzurra nei decenni successivi, nonché sui crescenti problemi legati all'inquinamento e al cambiamento climatico, che ha portato regolarmentesiccitàEincendi boschivialla regione.

Miles sottolinea giustamente che questo minuscolo lembo di terra è stato per troppo tempo il centro di un fenomeno culturale sproporzionato rispetto alle sue dimensioni, e ora ne sta pagando il prezzo. Nelle ultime settimane, la scarsità d'acqua nella zona ha scatenato un ferocediscussionesui media locali sull'opportunità di risparmiare ad hotel e ristoranti le misure di razionamento che potrebbero essere imposte nel prossimo futuro. Gli attivisti ambientalisti hanno criticato la proposta come un doppio standard inaccettabile e hanno chiesto invece un limite al numero di turisti.

Tuttavia, il fatto che le risorse siano sempre più scarse è anche un segno che l'attrattiva della Costa Azzurra per gli estranei rimane in gran parte intatta. La stagione turistica 2022 sulla costa è stata “eccezionale”, hanno affermato i rappresentanti dell'industria del turismo, con 6 milioni di visitatori e hotel più affollati di quanto non fossero da decenni. I giornali locali, proprio come ai tempi d'oro della Riviera, continuano a essere pieni di cronache di esclusivitàeventi mondani-così comestorie sordidedel sesso e del crimine.

E, naturalmente, il Festival del cinema di Cannes fa miracoli per sostenere l'immagine sfarzosa della Riviera, dando il via all'alta stagione quando i turisti della classe alta arrivano a frotte, desiderosi di tentare la fortuna nei casinò e disposti a pagare di brutto per una stanza con vista sulla Croisette Boulevard di Cannes.

(Video) Top 10 Most Beautiful Countries in Europe You Won’t Believe Exist!

A dire il vero, la "stupenda maestà della natura" che esplose sul compositore romantico francese Hector Berlioz "con più forza che mai" mentre visitava la Riviera negli anni Trenta dell'Ottocento è ora diventata, almeno in parte, una giungla di cemento. "Il denaro - denaro grosso, denaro sporco - era costellato in ogni angolo e aspetto della costa", scrive Miles. "Tutti dovevano essere qui, e c'erano troppe persone che costruivano su un terreno che avrebbe dovuto essere lasciato in pace".

Ma mentre l'età d'oro della Costa Azzurra può davvero essere passata da tempo, mentre passeggi nelle sue città e sulle sue spiagge, rimane la semplice verità che, come disse Miles, questa "costa soleggiata solleva lo spirito".

FAQs

Chi ha creato la Costa Azzurra? ›

Costa Azzurra è anche un brand attribuibile a un soggetto preciso: l'avvocato e scrittore Stéphen Liégeard, che si ispirò alla Côte d'Or, sua terra natale.

Perché la Costa Azzurra è famosa? ›

Perché oltre il lusso sfrenato e l'atmosfera patinata, la Costa Azzurra ha anche un'anima più autentica da scoprire tra villaggi medievali, mercati di fiori, calette segrete e sentieri litoranei lungo il Mediterraneo.

Come ci si muove in Costa Azzurra? ›

In Costa Azzurra è il servizio di treni regionali TER il servizio più frequente e comodo per spostarsi sulla costa. Sono dei treni a due piani che fanno la spola tra Ventimiglia Grasse, passando quindi per tutte le maggiori località sulla costa.

Perché la Costa Azzurra si chiama così? ›

Protetta alle spalle da una serie di rilievi (Alpi Marittime, massicci dei Maures e dell'Esterel), la Costa Azzurra, il cui nome deriva dall'intenso colore delle acque lungo il litorale roccioso, deve la sua fortuna turistica alla mitezza del clima, alla bellezza e alla varietà dei paesaggi e alla ricchezza della ...

Quando la Costa Azzurra era italiana? ›

Il trattato di Torino del 24 marzo 1860 sancì l'annessione dell'ex Contea di Nizza e della Savoia alla Francia.

Qual è la città più importante della Costa Azzurra? ›

Quinta città di Francia, Nizza è la capitale della Costa Azzurra e come tale offre una vita culturale ed ecnomica animata tutto l'anno: hotel, bar e ristoranti oltre ai negozi rimangono aperti, i musei propongono numerose mostre, i mercati continuano ad affascinare grazie a un'esplosione di colori e di sapori...

Che lingua si parla in Costa Azzurra? ›

Dialetto provenzale
Provenzale Provençau, Prouvençau
Parlato inFrancia, Italia, Monaco
RegioniProvenza-Alpi-Costa Azzurra, Piemonte
Locutori
Totale~ 400.000
17 more rows

Come si vive in Costa Azzurra? ›

Lo stile di vita è decisamente rilassato. Almeno in questa parte di costa, un po' “anziana”, la vita scorre davvero tranquilla. Se si ha voglia di un po' di glamour, basta prendere la macchina e andare a Monaco, o Cannes, o Saint Tropez. I servizi ci sono, e sono di buona qualità.

Quanti italiani vivono a Mentone? ›

La città conta circa 30.000 abitanti, inoltre é il centro di una vasta area che include circa 75.000 residenti.

Come si chiama il mare della Costa Azzurra? ›

La Costa Azzurra è quella parte di Francia bagnata dal Mar Mediterraneo che, dal confine italiano, si spinge fino a Saint-Cyr-sur-Mer.

Come è il mare in Costa Azzurra? ›

La Costa Azzurra vanta una serie di spiagge incantevoli, adatte a tutti, sia a coloro che cercano acque cristalline sia per chi ama la folla e il divertimento. Le spiagge della Costa Azzurra, alcune adagiate su litorali sabbiosi, altre caratterizzate da distese di ciottoli, sono bagnate da un mare cristallino.

Quanti giorni stare in Costa Azzurra? ›

Altro consiglio personale, se hai solo 4-5 giorni concentrati su un raggio più ristretto. Conta un minimo di due giorni pieni per vedere Nizza e Monaco, inoltre nei dintorni hai tanti paesini o borghi medioevali molto interessanti con quali potresti riempire altre giornate...

Perché l'Italia ha ceduto Nizza? ›

Gli abitanti di Nizza durante lo scrutinio del Plebiscito. All'origine dell'annessione ci fu soprattutto il desiderio di Napoleone III di Francia di contenere l'Austria, contribuendo a far sì che l'Italia realizzasse la sua unità.

Come mai la Corsica non è più italiana? ›

La conquista francese della Corsica ebbe luogo tra il 1768 e il 1769, quando la Repubblica Corsa fu occupata dalle forze francesi sotto il comando di Noël Jourda, Conte di Vaux. Al Trattato di Versailles del 1768 la Francia ricevette, come pegno dalla Repubblica di Genova, il diritto di occupare la Corsica.

Quali territori francesi erano italiani? ›

L'unico lembo di terra francese che sarebbe rimasto ancora sotto il controllo del Regio Esercito sarebbe stato il saliente nizzardo compreso tra il confine e la cosiddetta linea Tinea-Varo.

Come è il mare a Nizza? ›

Le spiagge di Nizza

Il mare di Nizza non è spettacolare, ma in alcune giornate potreste trovarlo davvero splendido: in alta stagione potrebbe essere difficile ma già a fine agosto-inizio settembre l'acqua appare più cristallina e dai colori meravigliosi.

Come si chiamano gli abitanti della Costa Azzurra? ›

Descrizione. Il numero dei suoi abitanti, che si chiamano azuréens, lecitamente cambia dunque in base all'estensione di tali definizioni: i limiti più frequenti (a parte il confine italiano) sono, da est a ovest, Monaco, Saint-Tropez, Hyères, Tolone, Cassis e Martigues.

A quale stato appartiene la Costa Azzurra? ›

Provenza-Alpi-Costa Azzurra
StatoFrancia
CapoluogoMarsiglia
Superficie31.400 km²
Abitanti4.818.000 (anno)
6 more rows

Come si chiama il mare che bagna Nizza? ›

L'antica Nicaea, città e porto sul Mediterraneo, nella Riviera ligure di Ponente, oggi politicamente appartenente alla Francia e capoluogo del dipartimento delle Alpi Marittime. Si affaccia al mare sulla Baia degli Angeli, ben riparata a est dalla sporgenza del M.

Qual è la regione che parla meglio l'italiano? ›

Firenze è il luogo ideale per imparare o migliorare la lingua italiana per molti motivi. È la città ove è nata e dove si è più evoluta la lingua italiana; è qui dunque che si parla l'italiano più puro d'Italia anche se con una caratteristica ed unica inflessione dialettale.

Dove si parla italiano oltre che in Italia? ›

Oltre ad essere la lingua ufficiale dell'Italia, l'italiano è lingua ufficiale nella Città del Vaticano, a San Marino, nel sud della Svizzera (Canton Ticino e frange meridionali dei Grigioni), nella fascia litoranea della Slovenia, accanto allo sloveno, e nella regione istriana della Croazia, accanto al croato.

Come si dice Nizza in nizzardo? ›

Il toponimo originale della città è, in italiano, Nizza, e Nissa o Niça in nizzardo.

Quanti sono gli italiani a Nizza? ›

Sono gli italiani a Nizza, ovvero gli oltre 30mila nostri connazionali che si dedicano ad un'ampia gamma di lavori, a cui si aggiungono i turisti ed gli italiani che soggiornano nella città della Costa Azzurra durante le vacanze o per periodi limitati.

Quanto si guadagna in Costa Azzurra? ›

La buona notizia è che gli stipendi medi per lavorare a Nizza si aggirano intorno ai 1937€ netti, una cifra che permette di mantenere un buon tenore di vita nonostante i prezzi superiori alla media.

Dove si vive meglio in Francia? ›

Al primo posto vi è Annecy (125 mila abitanti) davanti a Bayonne (49 mila) ed a La Rochelle (75 mila). Al quarto posto Angers (151 mila) ed al quinto Le Mans (143 mila), poi tocca alle metropoli e al sesto posto ecco Nizza con i suoi 342 mila abitanti che superano i 500 mila con l'area metropolitana.

Che lingua si parla a Mentone? ›

Il mentonasco o mentonese (nome nativo mentunasch, in ligure mentunascu, in francese mentonasque) è varietà dialettale della lingua ligure del cantone di Mentone, nel dipartimento delle Alpi Marittime in Francia.

Come è il mare a Mentone? ›

Mentone città si trova nell' Alpi Marittime Francia ed è famosa per le sue acque turchesi, la cui cristallina chiarezza è incredibile! Ciò aumenta il livello della vacanza in spiaggia, poiché quanto più l'acqua è bella, tanto più è piacevole bagnarsi in essa!

Quanto costa mangiare a Mentone? ›

Costo del pranzo in ristorante
Ristorante economico (prezzo per 1 persona) in Menton è nei dintorni:15 EUR17 USD
Ristorante di media classe (pranzo per 2 persone) in Menton è nei dintorni:57 EUR63 USD
Fastfood combo in Menton è la spesa di:9.50 EUR10 USD
Prezzo di cheeseburger in Menton è di circa:2.90 EUR3.20 USD
3 more rows

Quanto è grande la Costa Azzurra? ›

Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Provenza-Alpi-Costa Azzurra regione
Data di istituzione1974
Territorio
Coordinate del capoluogo43°17′54.89″N 5°22′11.96″E Coordinate: 43°17′54.89″N 5°22′11.96″E
Superficie31 400 km²
23 more rows

Quanto costa un taxi a Nizza? ›

Taxi (tariffa base di inizio corsa) 3,30 € Taxi (a km) 1,50 € Un'ora di taxi in attesa 28 €.

Qual è il piatto tipico di Nizza? ›

La ratatouille niçoise è il piatto originario di Nizza: è uno stufato di verdure composto da pomodori, zucchine, peperoni, cipolle ed aglio.

Cosa mangiare a colazione a Nizza? ›

I migliori posti per il brunch a Nizza

Tradizionalmente troverai una baguette, un croissant o un pain au chocolate con un caffè forte nella maggior parte dei menu dei caffè. Tuttavia, i tempi stanno cambiando ed è ora possibile trovare una serie di punti per il brunch a Nizza che offrono altre opzioni.

Quanto costa fare colazione in Costa Azzurra? ›

Le colazioni fatte in Hotel costano come in tutta la Francia dai 7-10 euro (ed oltre),quindi uno se vuole la può far nei vari cafè,la colazione.

Chi ha creato la Costa Smeralda? ›

I fondatori della Costa Smeralda furono l'Aga Khan, Giuseppe Kerry Mentasti (San Pellegrino), Patrick Guinness (magnate della birra), lo stesso John Duncan Miller e René Podbielski.

Chi ha acquistato la Costa Smeralda? ›

La Sardegna torna di nuovo agli arabi. MILANO - Il braccio finanziario della famiglia reale del Qatar è a un passo dalla conquista della Costa Smeralda. Secondo quanto apprende l'ANSA, il fondo Qatar Holding, noto per il recente acquisto del Paris St.

Chi è il padrone della Costa Smeralda? ›

(ANSA) - ROMA, 18 APR - La Costa Smeralda cambia padrone. A puntare su uno degli scorci di mare più belli del mondo e sul suo business turistico, è l'emiro del Qatar, Hamad bin Kalifa al-Thani, uno degli uomini più ricchi del pianeta, attraverso il fondo sovrano Qatar Holding.

Chi costrui la Costa Smeralda? ›

Sei i soci fondatori che quel 14 marzo 1962 a Olbia, davanti al notaio Mario Altea, diedero vita al Consorzio Costa Smeralda: oltre all'Aga Khan e allo stesso Miller, Patrick Guinnes, Felix Bigio, Andrè Ardoin e René Podbielski.

Chi è il proprietario di Porto Cervo? ›

Il suo proprietario è il politico russo Roman Abramovich. Il Porto Vecchio e la Marina di Porto Cervo non ospitano solo yacht famosi.

Come è nata Porto Cervo? ›

Questo paesino è nato nel 1962 per volere del principe Karim Aga Khan che, rimasto affascinato dalla bellezza di queste coste, comprò le terre praticamente a scatola chiusa, costruendovi il primo albergo.

Come si chiamava prima la Costa Smeralda? ›

Il territorio, il cui toponimo era Monti di Mola, era rimasto prevalentemente disabitato fino alla nascita, il 14 marzo 1962, del Consorzio Costa Smeralda, per iniziativa del principe Karim Aga Khan IV, imam dei musulmani Ismailiti Nizariti, di cittadinanza britannica, insieme al socio Paolo Riccardi, segretario ...

Qual è la nave più nuova di costa? ›

Sei pronto per un viaggio straordinario? Destinazione: Costa Smeralda, la nuovissima Ammiraglia. Stai per iniziare un emozionante tour, alla scoperta delle più sorprendenti novità di Smeralda. che hanno ispirato l'intero progetto, dall'idea originale fino alla sua realizzazione.

Perché la Costa Smeralda che si trova in Sardegna si chiama così? ›

Le ipotesi sono diverse, ma la più accreditata è quella legata alla storia dell'industriale Kerry Mentasti e di sua figlia di nome Esmeralda. In effetti calza a pennello: smeralda come il suo mare.

Qual è la gemella della Costa Smeralda? ›

Costa Smeralda è una nave da crociera della compagnia genovese Costa Crociere. Costruita presso il cantiere navale Meyer Turku, in Finlandia, è la seconda nave di classe Excellence dopo AIDAnova, unità capofila in servizio, mentre una nave gemella, Costa Toscana, è entrata in servizio nel marzo 2022.

Qual è la parte più bella della Sardegna? ›

La parte più famosa e più frequentata dai turisti ricchi e dal Jet Set è la Costa Smeralda che va da Porto Cervo a Porto Rotondo in Sardegna nord orientale.

Perché è famosa la Costa Smeralda? ›

La Costa Smeralda è famosa per le sue spiagge di sabbia bianca e per gli hotel di lusso che si affacciano su baie meravigliose.

Dove è stata costruita la Costa Smeralda? ›

La Costa Smeralda è la prima a essere alimentata sia in porto sia in navigazione a Lng, gas naturale liquefatto. La nave è partita dai cantieri Meyer di Turku, in Finlandia, dove è stata costruita.

Che fine ha fatto l Aga Khan? ›

Karim Aga Khan rimarrà nel Consorzio della Costa Smeralda, che è un'associazione senza fine di lucro, sorta per guidare e coordinare l'attività degli associati, come semplice consorziato per il valore della sua residenza.

Quando è nata la nave Costa Smeralda? ›

Ordinata da Costa Crociere nel 2015, la costruzione della nave ebbe inizio il 17 settembre del 2017 presso i cantieri Meyer Turku di Turku, in Finlandia; terza nave della compagnia ad essere assemblata nel paese nordico dopo la Costa Atlantica nel 2000 e la Costa Mediteranea nel 2003.

Quante persone ospita la Costa Smeralda? ›

Questa grande nave, lunga 337 metri e larga 42 metri, può trasportare 6522 passeggeri e 1678 membri dell'equipaggio. A bordo della Costa Smeralda, ben 1550 delle 2612 cabine dispongono di un balcone.

Videos

1. MANGIARE SOLO UN COLORE DI CIBO PER 24 ORE!!!
(Me contro Te)
2. Pyrrhic Return | Critical Role | Campaign 3, Episode 35
(Critical Role)
3. TUTTO IN SEI MESI!? MINECRAFT SURVIVAL ITA EP.1 S1
(LolloLacustre)
4. Il primo Computer di Alyssa! ❤️ (Laptop XIDU Rosa)
(Silvia & Kids)
5. Omens Above | Critical Role | Campaign 3, Episode 19
(Critical Role)
6. The Second Seal | Critical Role | Campaign 2, Episode 47
(Critical Role)
Top Articles
Latest Posts
Article information

Author: Aron Pacocha

Last Updated: 07/08/2023

Views: 5321

Rating: 4.8 / 5 (48 voted)

Reviews: 95% of readers found this page helpful

Author information

Name: Aron Pacocha

Birthday: 1999-08-12

Address: 3808 Moen Corner, Gorczanyport, FL 67364-2074

Phone: +393457723392

Job: Retail Consultant

Hobby: Jewelry making, Cooking, Gaming, Reading, Juggling, Cabaret, Origami

Introduction: My name is Aron Pacocha, I am a happy, tasty, innocent, proud, talented, courageous, magnificent person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.